L’acqua è l’essenza della vita! L’ho detto molte volte,il corpo umano è composto per il 70% da acqua. Ciò significa che l’acqua è molto più importante del cibo per la sopravvivenza. Ma quanto è importante la qualità dell’acqua che consumiamo per farci vivere una vita lunga e sana? La risposta è che deve essere il più pulito possibile, senza sostanze nocive per il corpo.

Molte persone consumano l’acqua direttamente dal rubinetto, credendo che i processi delle utenze idriche siano sufficienti a garantire loro l’acqua migliore. La verità è che contiene molto cloro, una sostanza che a lungo andare influirà sulla salute degli utenti.

Non si tiene più conto dell’età della rete di distribuzione dell’acqua potabile, caratterizzata da tubazioni arrugginite o sporche. C’è anche la categoria di chi ha optato per l’acqua in bottiglia. Tuttavia, questa non è una soluzione estremamente efficace a causa dei composti chimici rimossi dai petali quando sottoposti a calore.


Quindi, sia che si parli di acqua captata sottoterra dalle abitazioni (ha un alto grado di calcare) o di quella portata direttamente al rubinetto da una rete pubblica, dobbiamo applicare un processo di filtrazione, addolcimento, purificazione per renderla potabile. E salutare per il corpo. Filtri a carbone attivo, filtrazione ad osmosi inversa, sterilizzatori ultravioletti facilitano l’ottenimento di acqua potabile, senza microrganismi o altri depositi.


Ecco alcuni modi per filtrare l’acqua:

 l'acqua filtrata fa bene per la salute

Esistono numerosi processi che garantiscono la qualità dell’acqua: la decantazione, l‘addolcimento, la filtrazione, la desalinizzazione e la purificazione. Facendo passare l’acqua attraverso tutti questi processi saremo sicuri di non consumare microrganismi pericolosi. È necessario prestare maggiore attenzione a questi elementi utili e non ascoltare a chi ti dice di far bollire l’acqua per sbarazzarti dei problemi.

Si dice che facendo bollire l’acqua a 100 gradi si eliminano i microrganismi. Falso! Solo alcuni dei microrganismi muoiono a questa temperatura, il resto rimane nell’acqua insieme ad altri depositi e sostanze come calcare, metalli pesanti o nitrati.


La decantazione

La decantazione utilizza la forza di gravità per estrarre sedimenti solidi sospesi in un liquido. È un processo frequentemente utilizzato nell’approvvigionamento idrico, come prima fase nel processo di recupero delle acque reflue presso gli impianti di trattamento. La decantazione avviene in impianti appositamente denominati decanter. Ha lo scopo di ridurre la torbidità, il contenuto di sostanze organiche, al fine di utilizzare l’acqua come tale in vari processi industriali, o per la chiarificazione finale per filtrazione.


L’addolcimento

come filtrare l'acqua

 

L’addolcimento è un altro processo necessario per ottenere l’acqua potabile che vogliamo. È noto che l’acqua naturale contiene ioni calcio e magnesio, ioni che formano sali che si accumulano nei depositi di precipitazione. Questo forma acqua dura, inutilizzabile per bere a causa del sapore sgradevole. Inoltre non può essere utilizzato per lavare i panni, perché non fa schiuma con il sapone in cucina, perché non fa bollire bene le verdure, inoltre danneggia vari apparecchi che utilizzano l’acqua (lavatrici). Gli addolcitori sono in grado di trattenere gli ioni calcio e magnesio responsabili dei principali effetti negativi, riducendo a zero la durezza dell’acqua.


La filtrazione

La filtrazione è il processo di rimozione delle particelle indesiderate dall’acqua introducendo forzatamente il liquido da filtrare attraverso un materiale poroso come sabbia, ghiaia o argilla. I sistemi di filtrazione dell’acqua potabile ora disponibili sul mercato riducono al minimo la quantità di impurità nell’acqua che consumiamo.


La dissalazione

acqua filtrata e buona per la salute

La rimozione dei sali dall’acqua, o dissalazione, è un altro processo che ci aiuta ad ottenere l’acqua potabile anche quando proviene da ambienti esterni. Esistono dispositivi che possono trasformare l’acqua di mare in acqua potabile e, se consideriamo che gli oceani coprono gran parte del pianeta, tali dispositivi su larga scala possono portare innumerevoli benefici.

La tecnica principale per dissalare l’acqua è l’osmosi inversa. Nello specifico, ci sono pompe che spingono l’acqua attraverso membrane che consentono il passaggio delle molecole d’acqua, ma non il sale da essa. Il processo è estremamente efficiente e rimuove il 99% del sale.


La purificazione

Un altro processo di risanamento è la purificazione. Questa fase prevede la rimozione della purezza dall’acqua mediante radiazioni chimiche, fisiche, biologiche ed elettromagnetiche. Questi quattro tipi di processi sono complementari e mirano a trattare l’acqua potabile domestica con cloro, sedimentare e filtrare le impurità, trattare alcuni batteri che estrarranno particelle organiche dall’acqua e sterilizzarla.