Il consumo ottimale di acqua è essenziale per la nostra salute. Ogni cellula del corpo ha bisogno di acqua per funzionare correttamente, quindi è necessario rimanere idratati per tutto il giorno.

L’acqua del rubinetto può contenere contaminanti relativamente innocui (carbonato di calcio e ioni metallici come magnesio e ferro) e acido solfidrico. Le condizioni geologiche locali che interessano le acque sotterranee determinano in quale misura queste sostanze chimiche sono presenti nell’acqua.


I nutrienti che a volte si trovano nell’acqua potabile a livelli potenzialmente significativi di particolare interesse sono:

  • Il calcio è importante per la salute delle ossa e per la salute cardiovascolare
  • Il magnesio è importante per le ossa e la salute cardiovascolare
  • Sodio – un importante elettrolita extracellulare, eliminato in condizioni di sudorazione eccessiva

  • Rame – importante funzione antiossidante
  • Selenio – importante nella funzione antiossidante generale e nel sistema immunitario
  • Il potassio è importante per una varietà di effetti biochimici, ma di solito non si trova nell’acqua potabile naturale a livelli significativi.

Acqua in bottiglia

Uno studio del 2001 sull’acqua in bottiglia in Nord America ha concluso che l’acqua in bottiglia contiene generalmente la stessa quantità di minerali dell’acqua del rubinetto.

I vantaggi dell'acqua in bottiglia

Quali sono i vantaggi dell’acqua minerale?

Numerosi sono gli studi volti in particolare a presentare i benefici per la salute di alcuni minerali contenuti nell’acqua in bottiglia. Questi includono calcio, magnesio, bicarbonato, ferro, solfati o loro combinazioni.


Quali sono gli aspetti negativi dell’acqua in bottiglia?

Molti studi si sono concentrati anche sulla sicurezza dell’acqua minerale in bottiglia, in particolare sulla migrazione di sostanze chimiche dai contenitori di plastica nell’acqua, ma anche sulle microplastiche e sui contaminanti microbici.

I plastificanti (additivi utilizzati per conferire flessibilità e proprietà di manipolazione a molti tipi di plastica) e gli interferenti endocrini sono i principali composti coinvolti negli effetti nocivi sulla salute umana.

Acqua in bottliglia

Uno studio del 2017 dell’Università di Lund in Svezia mostra che le particelle di plastica nell’acqua possono entrare nel cervello del pesce. La plastica può causare danni al cervello, che è la probabile causa dei disturbi comportamentali osservati nei pesci. L’impatto sugli esseri umani è ancora sconosciuto.


L’acqua in bottiglia e l’acqua potabile possono contenere contaminanti microbici. Le persone con un sistema immunitario sensibile e / o indebolite da determinate condizioni come l’AIDS, la chemioterapia o farmaci potenti sono più vulnerabili ai contaminanti microbici nell’acqua potabile, come il Cryptosporidium.

Per evitare la criptosporidiosi, si consiglia di far bollire l’acqua potabile per un minuto o di utilizzare un filtro per l’acqua.


In generale, l’acqua minerale è sicura da bere, poiché contiene minerali con comprovati benefici per la salute. D’altra parte, la maggior parte delle bottiglie contiene microplastiche e / o residui di estrogeni che possono rappresentare un rischio per la salute.

Acqua del rubinetto

Depuratore acqua

Quanto è salutare l’acqua del rubinetto?

Supponendo che l’assunzione giornaliera di acqua sia di 2-3 litri, l’acqua fornirebbe> 1% del consumo raccomandato per quattro minerali: rame 10%, calcio 6%, magnesio 5% e sodio 3%. Con la concentrazione massima fornirebbe circa il 20% di Ca, il 23% di Mg, il 10% di Zn e il 33% di Na.


L’acqua del rubinetto può essere una fonte significativa di magnesio, un altro minerale essenziale per il corpo umano. Il magnesio supporta il cambiamento delle cellule del sangue e del sistema immunitario.


Quali sono i rischi associati all’acqua del rubinetto?

L’acqua potabile viene erogata attraverso un milione di chilometri di tubature. Alcuni di questi tubi contengono ancora piombo e rame, ma ci sono anche problemi di perdite e contaminazione.


I rapporti pubblicati hanno mostrato un aumento del rischio di cancro del colon-retto nelle persone esposte ad acqua potabile clorata o derivati ​​della clorazione chimica. Esistono anche prove da studi osservazionali che i sottoprodotti della disinfezione dell’acqua potabile (BPD) sono associati al cancro del colon-retto.


Questa meta-analisi delle migliori prove epidemiologiche disponibili indica che il consumo a lungo termine di acqua potabile clorata è associato al cancro della vescica, soprattutto negli uomini.