La ritenzione idrica si verifica quando il corpo trattiene più acqua nei tessuti di quella di cui ha bisogno. E in questo contesto, la ritenzione idrica nel corpo provoca fluttuazioni di peso. Così, spesso, i pazienti in sovrappeso o obesi possono avere problemi con l’indice di peso ea causa di ritenzione idrica che può in alcuni casi superare i 3 litri di acqua distribuiti in diversi strati cellulari.


In gergo medico, la ritenzione idrica nel corpo è chiamata edema e descrive la ritenzione patologica di liquidi nei tessuti corporei, specialmente nel tessuto connettivo. In situazioni normali, il fluido (acqua) viene drenato con l’aiuto del sistema linfatico che assume sostanze tossiche e scorie cellulari, grassi e batteri, la linfa viene successivamente scaricata nel sangue.


Quando il fluido non viene drenato in modo ottimale dal sistema linfatico, rimarrà nei tessuti e causerà edema o infiammazione. Le aree in cui si accumula l’acqua sono solitamente le mani, i piedi, la cavità addominale e i polmoni.


Come possiamo evitare la ritenzione idrica e quali sono le soluzioni?

Quando si parla di ritenzione idrica, le categorie più esposte sono soprattutto le persone sedentarie che seguono una dieta ricca di sali, ma anche le donne in gravidanza. Tuttavia, la ritenzione idrica si verifica anche in persone che hanno vari disturbi ormonali o soffrono di insufficienza renale. In altre parole, tutti i problemi di ritenzione idrica iniziano con la linfa.\

Ritenzione idrica rimedi

Qual è il ruolo della linfa nel corpo?

Il corpo umano è circondato da un “mare di liquido”, e quest’acqua è chiamata linfa. Affinché la linfa svolga il suo ruolo, il corpo umano ha bisogno di una corretta idratazione in modo organizzato e coerente. Allo stesso tempo, affinché il corpo rimanga sano e il corpo umano mantenga il suo indice corporeo nei parametri, abbiamo bisogno che l’eliminazione dei liquidi in eccesso avvenga correttamente.


Inoltre, se ti capita di bere più acqua e non riesci a eliminare l’acqua dal corpo, significa che era un problema nella dieta, perché in caso di consumo eccessivo di sale in un solo giorno, significa che il corpo non può svolgere le funzioni. Hai bisogno di una dieta ricca di frutta come banane, avocado che aiutano ad eliminare l’acqua in eccesso.

La linfa è ovunque, sia nello spazio tra le cellule che nei vasi linfatici. La differenza tra il sangue e il sistema linfatico è che il sangue rosso ha una pompa, cioè il CUORE che lavora senza sosta, mentre il sangue bianco, cioè la linfa, non ne beneficia. I vasi attraverso i quali scorre la linfa sono unidirezionali impedendole di girare e la sua circolazione dipende dal movimento.


In altre parole, la linfa è innescata dalle contrazioni dei muscoli scheletrici. L’attività fisica costante è molto benefica per la linfa, favorendo anche il drenaggio delle sostanze nocive.

Cause ritenzione idrica

Quali sono le cause più comuni di ritenzione idrica?

Come abbiamo già affermato, lo stile di vita e la dieta sedentari hanno ruoli chiave nella ritenzione idrica nel corpo. Innanzitutto l’acqua in eccesso che rimane intrappolata nel tessuto adiposo e non ha a che fare solo con la circolazione linfatica, e se un organismo rimane troppo a lungo senza muoversi, la linfa non può circolare per eliminare l’acqua in eccesso e quindi ritenzione.


Inoltre, se hai una dieta ricca di sali, devi sapere che il sale è il principale colpevole, perché ha la proprietà di trattenere l’acqua nel corpo. Inoltre, alimenti come carne lavorata, zucchero, pane bianco, bevande gassate e alcoliche, prodotti da forno, tutti questi favoriscono la ritenzione idrica nel corpo.

Un altro fattore che favorisce la ritenzione idrica è il calore. Quando l’indice termico è molto alto, i vasi sanguigni si dilatano facendo pressione su quelli linfatici, creando così una cattiva circolazione nella linfa. Ci sono anche casi in cui la ritenzione idrica si verifica per cause non migliorabili esternamente.


Se lo stile di vita sedentario può essere cambiato con una vita molto più attiva e la dieta può essere cambiata, nel caso di alcune malattie, si può fare solo un intervento medico. Uno di questi casi è l’insufficienza renale, quando una delle funzioni renali non funziona correttamente e quindi viene impedito lo smaltimento dei liquidi in eccesso.

Sintomi della ritenzione idrica

I disturbi ormonali causano anche ritenzione idrica. In altre parole, nel periodo premestruale, molte donne sperimentano la sensazione di ritenzione idrica nel torace e nell’addome. Lo stesso fenomeno si verifica quando sei in menopausa o incinta. Nelle donne in gravidanza, le dimensioni dell’utero esercitano una forte pressione sul sistema venoso e linfatico, il che rende difficile la circolazione sanguigna e linfatica.


Ritenzione idrica: rimedi

Secondo i ricercatori americani, gli alimenti ricchi di potassio aiutano al meglio l’organismo ad attivare il sistema linfatico, essendo il potassio uno degli elettroliti più importanti necessari all’organismo per una rapida reidratazione. E gli alimenti ricchi di potassio sono banane, broccoli, patate dolci, salmone, ma anche succo di cocco o acqua di cocco.


Ad esempio, 100 ml di acqua di cocco contengono 680 mg di potassio, cioè più di 2 banane! Inoltre, il succo di cocco aiuta ad abbassare il colesterolo, prevenire il diabete, attivare il metabolismo e rafforzare il sistema immunitario.

Anche contro la ritenzione idrica è consigliato il consumo di broccoli, un ortaggio che contiene potassio, ferro, fosforo, fibre, ma anche sostanze attive con importanti effetti antiossidanti e antitumorali. Inoltre per un buon drenaggio dell’acqua dai tessuti si possono utilizzare anche le patate dolci.